Domus di via Orsini / via Matas

Una zona residenziale esclusiva, non molto distante dal cuore della città, è emersa in quest’area che ha restituito i resti di ambienti appartenenti ad una grande domus, rinvenuti sotto il palazzo Panzini Bevilacqua tra il 1953 e il 1954. Scavata solo parzialmente, l’abitazione ha rivelato ben undici ambienti, alcuni con pavimenti a mosaico, e un peristilio con otto colonne in laterizio, delimitato da una canaletta di deflusso delle acque. La stratigrafia ha evidenziato due fasi di vita della domus: la prima fase risalente alla prima metà del I sec. a.C. e la seconda risalente al I sec. d.C.