San Valentino

Si narra che San Valentino fosse vescovo di Terni a cavallo tra il II e il III secolo d.C e dopo essere stato decapitato sotto l’Imperatore Aureliano il 14 febbraio 273, il suo corpo fu trasportato a Terni al LXIII miglio della Via Flaminia.

Sarà per questo che nel quartiere troviamo ben due luoghi di culto a lui dedicati: le catacombe di San Valentino e la chiesa di San Valentino), oggetto della nostra quinta tappa. Lo stesso Monte Parioli è denominato Monte San Valentino per via delle omonime catacombe.
La chiesa oggetto della quinta tappa di FINDING FLAMINIOè stata progettata dall’Arch. Francesco Berarducci e realizzata tra il 1982 e il 1986 con forme e stilemi che ricordano vagamente le opere del grande architetto Luis I. Kahn), ed anche in parte qualcosa dello studio Paniconi Pediconi.
Narra il parroco che la chiesa sia meta di pellegrinaggi da tutto il mondo per la sua raffinata ed elegante semplicità. Non sfigura minimamente nel quartiere dove si colloca anche se risulta un po’ affogata dal limitrofo viadotto di Corso Francia, altra imponente opera Olimpionica progettata da P.L. Nervi.

San Valentino per inciso divenne santo protettore degli innamorati in quanto una sua immagine a Little Italy (NY) era considerata miracolosa soprattutto per gli amanti